A Style, Beauty and Home Blog curated by Stefania, Italy {Since 2008}

febbraio 14, 2019

Dior and His Decorators: Victor Grandpierre, Georges Geffroy, and the New Look By Maureen Footer.


Oggi, alcune foto dei designer parigini Victor Grandpierre e Georges Geffroy che provenivano dagli ambienti della moda e questo li ha resi particolarmente adatti a creare interni per Dior. La foto sopra è la casa di Christian Dior a Parigi e riflette a sua volta i tempi di Madame Bovary, Whistler, Louis XVI e l'impero augusteo - e sempre il gusto di Dior, che ha curato ogni dettaglio, "...

 «Il cosiddetto buongusto per me è assai meno importate di quella che è la mia personale idea di gusto – afferma Christian Dior nella sua autobiografia – che poco a poco ha miscelato e reso omogeneo un arco di cose differenti e anche lontane tra loro».


{p.s. di più decor inspiration and grand interiors}


“For his friend Claire-Clémence de Maillé, Grandpierre designed a bedroom around a flowering Indienne document fabric and a château-appropriate mix of painted and marquetry furniture,” Footer writes.


Interior of Christian Dior’s hôtel particulier, credit Anthony Denney photographer

Dior e i suoi decoratori: Victor Grandpierre, Georges Geffroy e il New Look è il primo lavoro sui due interior designer parigini più strettamente associati a Christian Dior, in questo libro c'è il primo studio dell'evoluzione dell'estetica di Dior vista attraverso le sue case, e il primo studio dello sviluppo del marchio Dior.


Dior and His Decorators: Victor Grandpierre, Georges Geffroy, and the New Look. By Maureen Footer. Foreword by Hamish Bowles

Come le mode sfacciatamente lussuose del New Look di Christian Dior, che debuttò nel 1947, i progetti interni di Victor Grandpierre e Georges Geffroy infondevano a un mondo stanco di guerra una nuova estetica sontuosa, una fusione delle tradizioni raffinate del passato con un modernissimo senso di eleganza.


Aurore dress, SS1958 – ©Sabine Weiss


«Vivere in una casa che non è tagliata su di te – affermava Christian Dior – è come indossare gli abiti di qualcun altro».

Portrait of Christian Dior by Paul Strecker 1928 © Courtesy Paul Strecker Foundation


Dior si prepara per la giornata nel suo studio. I banchettini in velluto rosso ispirati a Napoleone III segnarono la rinascita dello stile Belle Époque, in gran parte iniziato da Dior e Grandpierre, mentre i tappetini d'arte in velluto di lino rappresentavano l'apice del café society chic. Il ritratto di Dior sul camino di Bernard Buffet è ora appeso nella boutique Dior a Parigi.


Nella sala da fumo invernale di Dior, Sedie Luigi XVI, tende sfrangiate e pavimenti in pietra calcarea diventano sontuosi. La facile interazione di elementi maschili e femminili ha anticipato le nuove tendenze del design.


Della sua sontuosa casa a Passy, ​​Dior ha riflettuto: "Mi piace un'atmosfera che è stata costruita a poco a poco fuori dai capricci e dalle fantasie dell'abitante. Se dovessi nominare il mio stile preferito per una casa, sceglierei Luigi XVI, ma sarebbe un Luigi XVI risolutamente del 1956, una versione contemporanea e, per questo, sincera ".


Nella sobria sala da pranzo di Dior, disegnata da Geffroy in tre tonalità di bianco, il maggiordomo più alto e più elegante di Parigi presiedeva alle cene.


I hope you enjoyed this home tour! Stay tuned for more to come!
Let’s keep in touch!  Bloglovin Instagram / Twitter / Tumblr / Facebook / Pinterest

SHARE:

Nessun commento

Posta un commento

Thanks for stopping by and your lovely comments ♥
Stefania

Blogger Template Created by pipdig